6. Juli 2020

La Borsa contro Bitcoin e Ethereum, chi vincerà?

Goldman Sachs, responsabile di gran parte dell’economia americana e globale, vale appena 67 miliardi di dollari di capitale di mercato.

Snapchat, responsabile della perdita di tempo di adolescenti senza un soldo, vale 33 miliardi di dollari in termini di market cap.

Ethereum, responsabile di dare letteralmente soldi gratis in flashloan se si sa come si fa a Solidity, vale 25 miliardi di dollari

E Bitcoin Trader, il primo denaro libero da debiti dai verdoni di Abraham Lincoln, vale circa un decimo di Google, l’azienda pubblicitaria.

Forse siamo un po‘ di parte, ma c’è qualcosa di molto sbagliato in una società che fa 8,5 miliardi di dollari di profitti ogni anno, la Goldman Sachs, che vale solo il doppio di una società che perde un quarto di miliardo ogni trimestre, la Snapchat.

Google realizza un bel po‘ di profitti, circa 10 miliardi di dollari a trimestre, ma vale molto di più dell’intero sistema bancario americano messo insieme, nonostante solo quattro banche realizzino 100 miliardi di dollari di profitti all’anno.

Mentre Google et al. è la homepage di tutti, le stesse quattro banche controllano 200 trilioni di dollari in derivati.

Eppure valgono molto meno. JP Morgan, ad esempio, che l’anno scorso ha battuto il record di profitti per 40 miliardi di dollari, ha un limite di mercato di meno di 300 miliardi di dollari rispetto ai 1.600 miliardi di dollari di Google.

Allora, cosa sta succedendo nel vecchio mercato azionario soffocante? Cos’è tutta questa distorsione ora sufficientemente evidente per tutti?

False azioni?

Il completo distacco tra il mercato azionario e l’economia è diventato un meme di recente, dato che le azioni stanno raggiungendo un nuovo massimo storico, mentre l’economia dovrebbe contrarsi tra il 10% e il 20%.

Ci è stato detto che le azioni fanno parte dell’economia reale, che sono valutate su misure reali come i profitti, mentre l’etereo è un asset ’speculativo‘ basato sul ‚thin air‘.

Questa menzogna è ora a disposizione di tutti, ma ciò che è molto più difficile da vedere è la facilitazione delle menzogne e delle frodi insite nel sistema.

Non a causa di qualche schema o trama sistemica, ma a causa dei limiti del vecchio sistema, del sistema cartaceo e del suo equivalente digitale di database facilmente modificabili.

Cosa impedisce, per esempio, alla Goldman Sachs di dire che ci sono un milione di azioni in circolazione quando in realtà sono 10 milioni, o viceversa?

Ci sono stanze di compensazione, verifiche, e ci sono Enron, Wirecard. Firme false, un ragazzo carismatico, una bella cena abbagliante e imponente con, diciamo, il presidente della SEC o chiunque sia incaricato di supervisionare qualsiasi cosa, e abbiamo una finzione.

Che questo avvenga non si può negare. Giustamente, naturalmente, possono negare che ci sia una certa orchestrazione, ma non possono negare che ci siano difetti e debolezze nel sistema, e che tali difetti siano stati sfruttati, e che non c’è modo di impedirli, perché gli audit e simili possono essere ingannati o aggirati.

Manipolazione, grida quel guardiano del vecchio sistema, Bloomberg, ogni volta che menziona il bitcoin o l’etereo. Mentre il suo cugino più giovane, il Motley Fool, dice con allegria oggi e come in un coro di dimenticare il bitcoin e andare azioni.

Ma si può realisticamente negare che il mercato azionario sia il mercato più manipolato del mondo, e non solo per quanto riguarda la fissazione dei prezzi, ma anche per quanto riguarda le questioni fondamentali di quanti titoli ci sono in circolazione.

La vendita allo scoperto, il flagello di Elon Musk, è letteralmente la „vendita“ di azioni che non esistono nemmeno.

Questa è la superficie. Praticamente nessuno ha le azioni vere e proprie, tranne i broker che di solito sono banche, come Goldman Sachs.

Chi può dire quante di queste azioni Sachs sta vendendo il doppio, il triplo o anche vendendo a 10 persone la stessa unità di stock?

I revisori dei conti, naturalmente, come le agenzie Triple A. O il presidente della SEC, che è praticamente impiegato da loro. I membri del Congresso del XVIII secolo, forse, che probabilmente sono abbastanza vecchi da non ricordarsi cosa hanno mangiato a cena, mentre i più giovani sono impegnati a preoccuparsi del colore che si indossa. E, anche se fossero tutti angeli, ci può essere comunque un diavolo affascinante a ingannarli tutti.